I giardini segreti alle porte di Bologna

Oltre 50 spazi verdi dislocati perlopiù nel centro storico, e anche nella prima collina e nella vicina pianura

Bologna è un giardino. Non ci credereste mai se non fosse per Diverdeinverde, la manifestazione che apre le porte dei giardini privati della città svelando inaspettate oasi naturali tra i palazzi. Dal 18 al 20 maggio 2018 sarà, quindi, di nuovo possibile la visita di 50 spazi verdi, dislocati perlopiù nel centro storico, e anche nella prima collina e nella vicina pianura. Proprio nei giorni di maggio in cui la fioritura raggiunge il suo apice.

Si va dagli antichi palazzi senatori di via Santo Stefano e Strada Maggiore agli ex-orti conventuali, dai cortili dei musei a quelli delle case d’artista, scoprendo anche statue, fontane, pozzi, ghiacciaie; ma anche ville con splendidi affacci sulla città e parchi creati dalla passione dei proprietari (collezioni di magnolie, giardini zen, sculture e opere d’arte disseminate in spazi curatissimi).

Alla quinta edizione non mancano le novità, come in giardino che raccoglie molte varietà di magnolie e querce rare e un giardino davvero segreto di un palazzo del 1.400 in pieno centro storico, che ospita un pergolato di vite vecchio di oltre cento anni.

Ai giardini si accede con una tessera di ingresso nominale del costo di € 10 in prevendita fino a giovedì 17 maggio, e al prezzo intero di € 12 da venerdì 18 maggio fino alla fine della manifestazione; i bambini sotto i 13 anni non pagano.