Satriano di Lucania


È il paese dei Murales e del pittore Giovanni De Gregorio, noto come “Il Pietrafesa”, uno dei massimi esponenti della cultura pittorica lucana tra tardo manierismo e barocco.

Veri e propri affreschi realizzati da pittori professionisti impreziosiscono le architetture di Satriano di Lucania, in provincia di Potenza, nell’area del Melandro.

Il centro storico si presenta al visitatore come una pinacoteca a cielo aperto, tra un intricato avvicendarsi di violetti su cui insistono palazzi gentilizi databili tra ‘600 e ‘700. Il paese, oltre ad essere uno dei “Borghi autentici d’Italia”, ricade all’interno del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano – Val D’agri – Lagonegrese ed è tra più caratteristici della Basilicata.

Il Pietrafesa

Satriano ha dato i natali al più illustre pittore lucano del seicento, Giovanni De Gregorio il Pietrafesa (1579 – 1656) le cui opere sono disseminate nelle chiese di gran parte della regione Basilicata..

In origine (XII secolo) l’antica Pietrafesa, un piccolo borgo rurale a valle dell’abitato di Satrianum, sorgeva a ridosso di una roccia denominata “Castello”. Il paese conquista la propria autonomia durante il regno della regina Giovanna II d’Angiò di Napoli, quando si attesta che Francesco Sforza divenne Signore di Pietrafesa.

Al nome della cosiddetta “regina Giovanna” si riconduce la causa dell’abbandono dell’abitato di Satrianum dal momento che, secondo una leggenda locale, sarebbe avvenuto a seguito della distruzione della città per ordine della sovrana tra il 1420 e 1430.

La donna infatti si sarebbe vendicata sugli abitanti di Satrianum a causa di un affronto subito, probabilmente un amore non corrisposto, oppure il rapimento da parte degli abitanti del luogo di una giovane dama di corte della regina.

 

Informazioni su Satriano di Lucania  

Hotel – b&b a Satriano di Lucania

Ristoranti - Locali a Satriano di Lucania

Nei dintorni

Articoli